CERTIFICAZIONI ENERGETICHE – NUOVE NORME UNI

A

Progettazione energetica 2Pubblicate il 31 marzo 2016 le nuove norme UNI per il calcolo della prestazione energetica degli edifici (obbligatorie dal 29 giugno 2016)

Il 31 marzo 2016 sono state pubblicate le seguenti norme:
•revisione UNI/TS 11300 parte 4
•nuove UNI/TS 11300 parte 5 e 6
•nuova UNI 10349 parti 1, 2 e 3

Si completa così il pacchetto normativo a supporto della Legge 90/2013 e dei relativi decreti applicativi.

Cosa cambia in breve?

UNI/TS 11300-4: la revisione della norma è volta ad armonizzare la norma con le disposizioni del DM 26.06.2015 e con la nuova UNI/TS 11300-5.
E’ stata infatti abrogata la formula 128 del paragrafo 11.4.2.6 che prevedeva che l’energia elettrica prodotta dai cogeneratori venisse sottratta dall’energia in ingresso ai generatori, anche se termica.
E’ stato inoltre corretto, in coerenza con la norma UNI EN 14825, il paragrafo 9.4.4.2 riguardante il fattore correttivo del COP in base al fattore di carico CR per pompe di calore a compressione ed azionamento elettrico.

UNI/TS 11300-5: la norma riprende, con alcune precisazioni aggiuntive, i contenuti della Raccomandazione 14. Vengono introdotti i principi di calcolo per conteggiare l’energia primaria rinnovabile e non rinnovabile da attribuire ai cogeneratori, utilizzando i fattori di allocazione indicati al comma 1, paragrafo 1.1 dell’Allegato 1 al DM 26.06.2015.

UNI/TS 11300-6: la norma introduce il nuovo calcolo del fabbisogno energetico per il servizio di trasporto (scale mobili e ascensori). A partire dal 29 giugno tale servizio dovrà essere incluso, per destinazioni d’uso non residenziali, negli APE e nei requisiti minimi di legge coinvolti.

UNI 10349: la norma modifica i dati climatici mensili e di picco (invernali ed estivi) delle località italiane ed è suddivisa in 3 parti:
•Parte 1: contiene i dati climatici convenzionali per il calcolo delle prestazioni energetiche e termoigrometriche degli edifici. Fornisce inoltre il metodo di calcolo per ripartire l’irradianza solare oraria nella frazione diretta e diffusa e per calcolare l’energia raggiante ricevuta da una superficie fissa comunque inclinata ed orientata; sostituisce, oltre alla UNI 10349:1994, anche la UNI/TR 11328-1:2009.
•Parte 2: fornisce i dati climatici di progetto, rappresentativi delle condizioni climatiche limite, da utilizzare per il dimensionamento degli impianti tecnici invernali ed estivi.
•Parte 3: contiene la metodologia di calcolo per la determinazione dei gradi giorno, delle differenze cumulate di umidità massica, della radiazione solare cumulata su piano orizzontale e dell’indice sintetico di severità climatico del territorio.

Da quando si applicano?

Ai sensi dell’art. 7 comma 5 del DM 26.06.2015, per garantire il necessario aggiornamento dei sistemi di calcolo della prestazione energetica degli edifici, le norme si applicano a decorrere da 90 giorni dalla data delle loro pubblicazione (ovvero dal 29 giugno 2016).

A

Fonte: Edilclima Engineering & Software

Leave a Comment